Appartamento per 4 personeAppartamento per 3 personeAppartamento per 2 personeAppartamento uso monolocale







RICHIESTA INFO


check in:
check out:

Composizione del gruppo:

Nome e Cognome:

email:



Dintorni & news

TRAPANI…

punta estrema della Sicilia Occidentale, è una città con un importante patrimonio culturale e paesaggistico-ambientale.

Il nome dal greco Drepanon (‘falce’) ispirato alla forma urbanistica della città, vede le sue origini nella mitologia. Si racconta, infatti, che dalle mani di Cerere, mentre sorvolava la città galoppando l’alato Pegaso, cadde una falce su questo lembo di terra che ne assunse la forma. 

La posizione strategica di Trapani che si affaccia sul Mediterraneo, ha da sempre attratto svariate popolazioni interessate a conquistare la vetta del più prorompente e vicino Monte Erice: dai greci ai punici e romani fino alla dominazione spagnola, i Borboni e il fascismo.

Proprio per il Suo colorito passato, Trapani e la sua provincia vantano una cultura diversificata che si riversa in un patrimonio storico-culturale e archeologico di notevole spessore!

Oggi Trapani è denominata la Citta’ del Sale e della Vela, famosa per le sue saline ed i  mulini a vento.
Nel centro storico sono presenti numerose chiese di considerevole interesse, come ad esempio la chiesa di San Francesco d’Assisi, la chiesa dei Cappuccini, chiesa di San Pietro e la chiesa del Purgatorio che, sita nell’omonima piazzetta, dista pochi passi dal Residence Rosa dei Venti.
Particolarmente bella è la Cattedrale San Lorenzo, in Corso Vittorio Emanuele che si ispira a stili architettonici del XIV secolo edificata dall’architetto trapanese Biagio Amico.

 

… E DINTORNI
Erice: paesino medievale a 750 mt sopra il livello del mare accoglie più di sessanta chiese, la più imporetante è La Matrice dedicata all’Assunta ed eretta nei primi anni del XIV sec. ma anche il suo castello ed un belvedere mozzafiato.
Favignana, Levanzo e Marettimo: gemme del mediterraneo, straordinariamente belle, con delle grotte naturali immerse in un mare azzurro, impreziosite da vestigia della preistoria e famose per la “mattanza” (tradizionale pesca del tonno).
Isola di Mozia: centro punico dove, nel VIII secolo aC, i Fenici sostarono prima di raggiungere la Sicilia. L’isola è unita alla terra ferma tramite un piccolo sommerso dal mare.
Segesta: tappa mitologica, vivamente consigliata per il suo tempio punico di stile dorico costruito al di fuori delle fortificazioni della città alla fine del V sec aC e il suo teatro costruito di fronte al mare.
Castellammare del Golfo: dal “Belvedere” è visibile la città dall’alto, da qui si può ammirare uno dei panorami più belli della Sicilia.
Scopello: paradiso naturale, piccolo borgo di pescatori ricco di tradizione. Un luogo preservato dal tempo: poche case, il baglio, una chiesa, i faraglioni e la tonnara.
Lo Zingaro: prima riserva naturale istituita in Sicilia, racchiude una splendida e incontaminata baia di sette chilometri che guarda il Golfo di Castellammare, le montagne che la incorniciano e i promontori che si congiungono al mare.